• Slideshow - Castello Borrelli - vista dal mare
  • Slideshow - persone in piazza centrale
  • Molo Marinai d'Italia
  • Molo Rosa dei venti

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

ultima modifica: Antonella Rossi  08/05/2017

Progetto Parliamo di Legalità - Incontro con Giancarlo Caselli

notizia pubblicata in data : lunedì 08 maggio 2017

Progetto Parliamo di Legalità - Incontro con Giancarlo Caselli
Il Comune di Borghetto Santo Spirito prosegue,  anche nel corrente anno scolastico, il progetto “Parliamo di Legalità”, finalizzato ad  approfondire i temi legalità e mafia.
L’incontro previsto è programmato per  Venerdì 12 maggio 2017, alle ore  10.30, presso il  Palazzetto dello Sport   di Via Trilussa.

Il Dott. Giorgio Manari Prefetto di Savona, la Dott.ssa Fabrizia Triolo Commissario straordinario del Comune di Borghetto Santo Spirito ed il Dott. Giancarlo Caselli, già Magistrato ed emblema della lotta al crimine e alla mafia, incontreranno gli allievi delle scuole medie e superiori, per  approfondire il concetto di  legalità  e sicurezza.
Il rispetto convinto e motivato delle leggi e i comportamenti corretti costituiscono la base fondamentale su cui si deve poggiare la coscienza di ognuno,  per contribuire al miglioramento della società civile. I ragazzi  sono i principali  protagonisti della promozione e dello sviluppo di una cultura della legalità e della sicurezza, incentrata sulla prevenzione e la partecipazione civica.
Le Scuole interessate a partecipare possono contattare l’Ufficio Cultura e Turismo del Comune. L’azienda TPL, a richiesta degli Istituti, istituirà corse aggiuntive per raggiungere Borghetto S. Spirito.


Introduce Cristina Donzelli


Gian Carlo Caselli, nato ad Alessandria il 9 maggio 1939, è stato assistente alla cattedra di storia del diritto italiano dal 1964 al 1967, fino a quando ha vinto il concorso in magistratura e ha cominciato a lavorare al tribunale di Torino come giudice istruttore penale. Dalla metà degli anni Settanta alla metà degli anni Ottanta, s’è occupato dei reati delle Brigate Rosse e di Prima Linea. Componente del CSM per cinque anni fino al 1990, è stato poi nominato magistrato di Cassazione (1991), restando sempre a Torino.
Dal 1993 al 1999 è stato procuratore della repubblica presso il tribunale di Palermo. In questa città s’è occupato soprattutto di lotta alla mafia: ha avuto un ruolo importante negli arresti di Leoluca Bagarella, Gaspare Spatuzza, Giovanni Brusca e nel processo all’ex presidente del consiglio Giulio Andreotti accusato di associazione a delinquere (1993-2004).
Tra il 1999 e il 2001 è stato direttore generale del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, per poi essere rappresentante italiano in Eurojust, l’organizzazione dell’UE che lotta contro la criminalità organizzata. Successivamente, è stato procuratore generale presso la corte d’appello e procuratore capo della repubblica a Torino (2008). Nel 2013 è andato in pensione, lasciando la magistratura. Attualmente è impegnato a diffondere la cultura della legalità anche attraverso diversi incontri a scuola.


 

Leggibilità
Lettura Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica